Blog - Annunci - Aziende - Utility

DECRETO-LEGGE 21 giugno 2013, n. 69

Il decreto legge n°69 del 21 giugno 2013 recante: “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia”, all’articolo 41, porta con se alcune semplifcazioni in merito ai materialei da riporto, modificando il D.L 2/2012 covertito successivamente dalla L. 28/2012 “Misure straordinarie e urgenti in materia ambientale” e alla “Gestione delle acque sotterranee emunte” modificando l’articolo 243 del decreto legislativo 3 april e 2006, n. 152.
Per comodità vi riportiamo l’estratto di ciò che in particolare interessa gli operatori del settore.

In coda all’articolo il testo completo scaricabile in Pdf.
Art. 41

(Disposizioni in materia ambientale)
1. L’articolo 243 del decreto legislativo 3 april e 2006, n. 152, e successive modificazioni, e’ sostituito dal seguent e:
«Art. 243. (Gestione delle acque sotterranee emunte)

1. Nei casi in cui le acque di falda contaminate determinano una situazione di rischio sanitario, oltre all’eliminazione della fonte di contaminazione ove possibile ed economicamente so stenibile, devono essere adottate misure di attenuazione della diffusione della contaminazione conformi alle finalita’ generali e a gli obiettivi di tutela, conservazione e risparmio delle risorse idriche stabiliti dalla parte terza.
2. Gli interventi di conterminazione fisica o idraulica con emungimento e trattamento delle acque di falda contaminate sono ammessi solo nei casi in cui non e’ altrimenti possibile eliminare, prevenire o ridurre a livelli accettabili il rischio sanitario associato alla circolazione e alla diffusione delle stesse. Nel rispetto dei principi di risparmio idrico di cui al comma 1, in tali evenienze deve essere valutata la possibilita’ tecnica di utilizzazione delle acque emunte nei cicli produttivi in esercizio  nel sito stesso o ai fini di cui al comma 6.
3. Ove non si proceda ai sensi dei commi 1 e 2, l’immissione di acque emunte in corpi idrici superficiali o in fognatura deve avvenire previo trattamento depurativo da effettuare presso un apposito impianto di trattamento delle acque di fal da o presso gli impianti di trattamento delle acque reflue industri ali esistenti e in esercizio in loco, che risultino tecnicamente idonei.
4. Le acque emunte convogliate tramite un sistema stabile di collettamento che collega senza soluzione di contin uita’ il punto di prelievo di tali acque con il punto di immissione delle stesse, previo trattamento di depurazione, in corpo ricettore, sono assimilate alle acque reflue industriali che p rovengono da uno scarico e come tali soggette al regime di cui alla parte terza.
5. In deroga a quanto previsto dal comma 1 dell’ articolo 104, ai soli fini della bonifica delle acque sotterranee, e’ ammessa la reimmissione, previo trattamento, delle acque sotterranee nello stesso acquifero da cui sono emunte. Il progetto previsto all’articolo 242 deve indicare la tipologia di trattamento, le caratteristiche quali-quantitative delle acque reimmesse, le modalita’ di reimmissione e le misure di messa in sicurezza della porzione di acquifero interessato dal sistema di estrazione e reimmissione. Le acque emunte possono essere reimmesse, anche mediante reiterati cicli di emungimento e reimmissione, nel medesimo acquifero ai soli fini della bonifica dello stesso, previo trattamento in un impianto idoneo che ne riduca in modo effettivo la contaminazione, e non devono contenere altre acque di scarico ne’ altre sostanze.
6. In ogni caso le attivita’ di cui ai commi 2, 3, 4 e 5 devono garantire un’effettiva riduzione dei carichi inquinanti immessi nell’ambiente; a tal fine i valori limite di emissione degli scarichi degli impianti di trattamento delle acque di falda contaminate emunte sono determinati in massa.».
2. All’articolo 184-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, dopo il comma 2, e’ aggiunto il seguente:
“2-bis. Il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 10 agosto 2012, n.161, adottato in attuazione delle previsioni di cui all’articolo 49 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24marzo 2012, n. 27, si applica solo alle terre e rocce da scavo che provengono da attivita’ o opere soggette a valutazione d’impatto ambientale o ad autorizzazione integrata ambientale. Il decreto di cui al periodo precedente non si applica comun que alle ipotesi disciplinate dall’articolo 109 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.”.
3. All’articolo 3 del decreto-legge 25 gennaio 2012, n. 2, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 28, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 1 sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «,costituite da una miscela eterogenea di materiale di origine antropica, quali residui e scarti di produzione e di consumo, e di terreno, che compone un orizzonte stratigrafico s pecifico rispetto alle caratteristiche geologiche e stratigrafiche na turali del terreno in un determinato sito e utilizzati per la realizzazione di riempimenti, di rilevati e di reinterri.»;
b) i commi 2 e 3 sono sostituiti dai seguenti: «2. Ai fini dell’applicazione dell’articolo 185, comma 1, lettere
b) e c), del decreto legislativo n. 152 del 2006, le matrici materiali di riporto devono essere sottoposte a test di cessione effettuato sui materiali granulari ai sensi dell’articolo 9 del decreto del Ministro dell’ambiente 5 febbraio 1998, pubblicato nelsupplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale 16 aprile 1998, n. 88, ai fini delle metodiche da utilizzare per escludere rischi di contaminazione delle acque sotterranee e, ove conformi ai limiti del test di cessione, devono rispettare quanto previsto dalla legislazione vigente in materia di bonifica dei siti contaminati.

3. Le matrici materiali di riporto che non siano risultate conformi ai limiti del test di cessione sono fonti di contaminazione e come tali devono essere rimosse o devono essere rese conformi al test di cessione tramite operazioni di trattamento che rimuovono i contaminanti o devono essere sottoposte a messa in sicurezza permanente utilizzando le migliori tecniche disponibili e a costi sostenibili che consentono di utilizzare l’area secondo la destinazione urbanistica senza rischi per la salute.
3-bis. Gli oneri derivanti dai commi 2 e 3 sono posti integralmente a carico dei soggetti richiedenti le verifiche ivi previste.».
4. All’articolo 3, comma 1, lettera e.5), del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, dopo le parole “esigenze meramente temporanee”, sono aggiunte le seguenti ” ancorche’ siano posizionati, con temporaneo anco raggio al suolo, all’interno di strutture ricettive all’aperto, in conformita’ alla normativa regionale di settore, per la sosta ed il soggiorno di turisti.”.
5. All’articolo 1, comma 359, primo periodo, della legge 24 dicembre 2012 n. 228, dopo le parole “1, comma 2,” sono aggiunte le seguenti “ed agli articoli 2,”, e sono aggiunte, in fine, le seguenti parole “, se attribuiti, in tutto o in parte, con il decreto di nomina di cui al comma 358”.
6. In relazione alla procedura di infrazion e comunitaria n. 2007/2195, al fine di consentire la semplificazione e l’accelerazione nell’attuazione degli interventi di adeguamento del sistema dei rifiuti nella Regione Campania e di accelerare l’attuazione delle azioni in corso per il superamento delle criticita’ della gestione del sistema stesso, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare nomina con propri decreti uno o piu’ commissari ad acta per provvedere, in via sostitutiva degli En ti competenti in via ordinaria, alla realizzazione e l’avvio dell a gestione degli impianti nella Regione, gia’ previsti e non ancora realizzati, e per le altre iniziative strettamente strumentali e nece ssarie. I decreti, adottati sentiti gli Enti interessati, specificano i compiti e la durata della nomina, per un periodo di sei mesi, salvo proroga o revoca.
7. Gli oneri derivanti dall’attuazione del comma 6 sono posti a carico degli enti e dei soggetti inadempienti secondo le modalita’ da stabilirsi con i decreti del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare previsti dal medesimo comma.

testo completo del DECRETO-LEGGE 21 giugno 2013, n. 69

avatar
Consulente e Resp. Tecnico in Materia di Gestione Rifiuti.
Preposto per il Trasporto Nazionale e Internazionale su strada di Merci.

Similar posts
  • legge 28 dicembre 2015 n. 221 E’stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge 28 dicembre 2015 n. 221 “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali” . In particolare il provvedimento contiene importanti novità e modifiche al D.Lgs.152/06 (testo unico ambientale), soprattutto nella sua parte IV (relativa alla gestione dei [...]
  • Liquami zootecnici e letame: quanto c... L’allegato D) alla parte quarta del D.Lgs. n. 152/06 (c.d. TUA) include, tra i rifiuti, «feci animali, urine e letame (comprese le lettiere usate), effluenti, raccolti separatamente e trattati fuori sito» (codice CER 02 01 06); per cui, in via generale, dette sostanze possono costituire rifiuti. Il TUA, tuttavia, pone alcuni limiti al campo di applicazione della disciplina sui [...]
  • In arrivo la modifica della Direttiva... La Commissione Europea ha presentato una proposta di modifica della Dir.2008/98/CE; questa proposta fa parte di un pacchetto di modifiche presentato dalla Commissione per il conseguimento della cosiddetta “economia circolare”, in particolare si stabilisce l’obbligo di incrementare il riciclaggio dei rifiuti urbani di almeno il 60% in peso entro il 2025. In aggiunta, il tasso [...]
  • TARI: non si applica la parte variabi... La legge istitutiva della TARI – L. n. 147, art. 1, co. 651, del 27 dicembre 2013 – stabilisce il comune nella commisurazione della tariffa tiene conto dei criteri determinati con il regolamento di cui al d.p.r. n. 158/1999, che, a sua volta, suddivide il tributo in una parte fissa, determinata in relazione alle componenti [...]
  • Nuovi codici CER e aumento della capa... Il progetto di ampliamento, di un precedente impianto, che preveda l’introduzione di nuovi codici CER e un aumento delle capacità di stoccaggio, porta a qualificare quanto proposto come un «nuovo impianto», con tutte le conseguenze che ne derivano sul piano delle autorizzazioni. Consiglio di Stato, sentenza del 18.06.2015 Salvatore Casarrubia Avvocato specializzato in diritto ambientale, [...]

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prossimi Corsi

PROGRAMMA Corso Base ADR 2015

programma corso base adr 2015

l corso si propone di dare un’informativa di base completa sulla normativa che regola il trasporto internazionale di merci pericolose su strada, mettendo in evidenza i principali aspetti contenuti nel testo del nuovo adr 2015 entrato in vigore il 01/01/2015. con il recepimento della direttiva...

Corso Base IMDG 37-2014

corso base imdg 37-2014

corso conforme alle disposizioni emanate dall’autorità competente marittima in materia di formazione del personale di terra e obbligatorio ai sensi del capitolo 1.3 del codice imdg. il corso esamina le disposizioni generali e specifiche applicabili al trasporto marittimo ed intermodale di...

IL CONSULENTE ADR in preparazione all'esame di abilitazione alla professione

il consulente adr in preparazione all'esame di abilitazione alla professione

il consulente per la sicurezza dei trasporti di merce pericolosa (altrimenti detto consulente adr o dgsa – dangerous goods safety advisor) è una figura professionale introdotta dalla direttiva ce 96/35, recepita in italia con d.lgs. 40/2000 oramai abrogato dal nuovo decreto 35/2010. lo stesso...

Annunci Rifuti Cerco

Bancali/Pallet

bancali/pallet

necessitiamo di avere la vostra migliore offerta per il recupero presso la notra sede di circa 1800 pellet, misure 1000x2000, per un peso presunto di 4/5 ton. la richiesta ha carattere d'urgenza.  

Traportatore autorizzato per collaborazione

traportatore autorizzato per collaborazione

per piccoli quantitativi presso i nostri clienti, ricerchiamo un trasportatore autorizzato ed economico.

Laboratorio cerca azienda smaltitrice con cui collaborare

laboratorio cerca azienda smaltitrice con cui collaborare

ci occupiamo di analisi di laboratorio e cerchiamo aziende per trasporto e smaltimento rifiuti con cui collaborare come procacciatori d'affari. per contatti : 3490613974 - attilio

PVC BIANCO E GRIGIO

pvc bianco e grigio

siamo un azienda di compra vendita materie plastiche. siamo alla ricerca per i nostri clienti, di pvc rigido bianco & grigio macinato o granulo. siamo  interessati ad avviare una continuativa  collaborazione ed eventuale scambio di materiali

HDPE lastra

hdpe lastra

cerchiamo hdpe in lastra alto peso molecolare 300.500.1000 anche colori misti ritiri su base regolare vi invitiamo a contattarci ai numeri indicati nella scheda presente nell'annuncio

Collaboratori per azienda trasporto rifiuti

collaboratori per azienda trasporto rifiuti

ricerchiamo nella regione veneto, collaboratori per la ricerca di clientela per il recupero e smaltimento dei rifiuti. formazione interna all'azienda, supporto, accompagnamento all'inizio dell'attività e anticipi provvigionali. sarà riconosciuto il ruolo e...

CERCO A I TAPPI DELLE BOTTIGLIE

cerco a i tappi delle bottiglie

  cerco a i tappi delle bottiglie (hdpe) 8-20/ tons in zona nord , materiali non triturato.   marco

Scarti Bobine Accoppiate !!

scarti bobine accoppiate !!

cerchiamo  in grande quantità , stock post/pre produzione bobine di pp,pet (neutre), opp/bopp, carta/alluminio accoppiate, metallizzate, plastificate, stampate/non in grande quantità.

cerco batterie al piombo esauste

cerco batterie al piombo esauste

cerco batterie al piombo codice cer 160601 in italia. imballate su bancali o sfuse. per informazioni chiamare 347 1067478 falcinelli mail: commerciale@alltrust.it www.alltrust.it  

COMPRO FUSTI-CISTERNE-FLACONI

compro fusti-cisterne-flaconi

acquistiamo carichi completi di fusti-cisterne-flaconi (hdpe) materiale provenienza post-consumo e/o scarti di produzione. il materiale deve essere selezionato e pressato in balle regettate. acquisti continuativi per quantita illimitate (rapporto commerciale, serio e duraturo). per info tel.:...

Ultime Aziende Iscritte

logo
66100 Chieti (CH)
Regione: Abruzzo
logo
51013 Pieve a Nievole (PT)
Regione: Toscana
logo
81024 Maddaloni (CE)
Regione: Campania
logo
81039 Villa Literno (CE)
Regione: Campania

Annunci Offro

TRASPORTI CON GRU A MILANO TRASPORTI RIFIUTI

trasporti con gru a milano trasporti rifiuti

noleggio camion con gru a milano-autotrasporti cattaneo sede milano e pioltello (mi) tel 3482415600 o 623 mail:autotrasporti.c@libero.it-albo autotrasportatori:mi0861915/t-albo gest.rifiuti:mi1826o      solleviamo e trasportiamo con mezzi grandi,medi e piccoli con gru- trasporti...

TRASPORTI CARRELLI ELEVATORI PER RIFIUTI A MILANO

trasporti carrelli elevatori per rifiuti a milano

trasporti con gru a milano-autotrasporti cattaneo sede milano e pioltello (mi) tel.3482415600 o 624 - albo autotrasportatori:mi0861915/t- albo gestori rifiuti:mi 1826o. solleviamo e trasportiamo con mezzi grandi, medi e piccoli con gru'

TRASPORTI RIFIUTI CON CAMION CON GRU A MILANO

trasporti rifiuti con camion con gru a milano

trasporti con gru- autotrasporti cattaneo sede milano e pioltello (mi) tel.3482415600 o 623 - albo gestori rifiuti: mi1826o - albo autotrasportatori:mi0861915/t solleviamo e trasportiamo con mezzi grandi, medi e piccoli con gru' e ribaltabili con gru'

TRASPORTO RIFIUTI NON PERICOLOSI

trasporto rifiuti non pericolosi

trasportiamo rifiuti di:macerie-legno-gesso-rifiuti misti-in discarica con mezzi con portata ql.60 (mc.5/6 voluminosi mc.20) possibilita' di carico con ragno o gru'- con mezzi con portata ql.32 ( mc 3 voluminosi mc. 7) possibilita' carico con gru'

2 BILICI COMPLETI DI MONITOR CRT 15

2 bilici completi di monitor crt 15"/17"

disponiamo di 2 bilici completi di monitor crt misti 15"/17". la merce si trova presso il ns. stabilimento di parma. se interessati potete contattarci via email.

Spurgo

spurgo

rifiuti pericolosi la nostra azienda ecosan italia, gestisce il trasporto dei rifiuti soggetti alla normativa adr rispondendo alla crescente domanda di sicurezza e tutela ambientale e nella piena ottemperanza della normativa vigente, mettendo a disposizione della sua clientela automezzi...

Materiale disponibile

materiale disponibile

chibo dispone settimanalmente di carichi completi di pc/server, stampanti, hdd, cd/fdd/dvd, cavi, alimentatori, ecc... disponibili su pallet e all'interno di big bag. inviateci la vs. valorizzazione oppure, per maggiori informazioni potete contattarci ai riferimenti di...

Trasporto Rifiuti Conto Terzi

trasporto rifiuti conto terzi

ci offriamo per il trasporto dei rifiuti non pericolosi anche conto terzi nelle provincie di padova -vicenza - treviso e venezia. aut. ve18278 per informazione e preventivi chiedere di fabris cell: 3348240548 - m.fabris@raeepadova.it

Perizie sui mezzi adibiti al Trasporto dei Rifiuti

perizie sui mezzi adibiti al trasporto dei rifiuti

le imprese che intendono iscriversi alla sezione regionale dell’albo gestori ambientali, alla domanda di iscrizione devono allegare una “perizia giurata“, ai sensi dell’art. 12, comma 3, lettera a), del dm 406/98, che attesti l’idoneità tecnica dei veicoli...

Responsabilità Tecnica nella Gestione e trasporto dei Rifiuti

responsabilità tecnica nella gestione e trasporto dei rifiuti

le imprese che intendono iscriversi all'albo gestori ambientali devono nominare obbligatoriamente un responsabile tecnico in possesso dei requisiti professionali previsti dalla normativa, il quale si occupa di tutta la parte tecnicha relativa alla corretta gestione dei rifiuti, ad...

Pubblicità

Archivi

support