gears-686316__480

keyword o parole chiave e rifiuti

In questa pagina si affronta il vasto tema delle parole chiave, conosciute anche come keyword, keyphrase o semplicemente key.

Sono uno degli strumenti principali dell’ottimizzazione di un sito web sui motori di ricerca.

Cos’è una parola chiave?

Una parola chiave o keyword è semplicemente un insieme composto da una o più parole che può essere associato a un particolare concetto o bisogno. In genere si tratta di una parola composta da almeno due elementi. Spesso le parole con un solo elemento sono troppo generiche e spaziano su troppi ambiti e intenzioni di ricerca.

Esempio. La parola “chiave” ( key ) è associata a diverse entità. Con questo termine potrei riferirmi a una parola chiave sui search engine, a quella dell’armadietto in palestra, a uno spartito, ecc. Viceversa, dicendo “parola chiave”, composta da due termini, il campo semantico si restringe al contesto più circoscritto della SEO e dei motori di ricerca.
Il numero dei simboli grafici in una parola chiave è direttamente correlato al grado di specificità della keyword, intesa come vicinanza a un significato/bisogno ben preciso, e inversamente correlato al grado di competitività ( costo ) e al traffico organico ottenibile dal search engine.
keyword-traffico-concorrenza-andreaminini
E’ un errore comune pensare che il traffico organico sia l’unico obiettivo dell’ottimizzazione. Non è sempre così.
In molti casi è preferibile adottare delle strategie a basso traffico, basate sulla coda lunga delle Long Tail Keyword, ma con elevato tasso di conversione in lead e prospect.

 A cosa servono?

Nell’ottimizzazione Seo di un sito web le parole chiave sono utilizzate per intercettare il traffico proveniente dalla ricerca organica sui search engine, ossia le interrogazioni ( query ) compiute dagli utenti su un motore di ricerca.

Le parole chiave sono note fin dagli albori del Web. Al punto che nel linguaggio HTML di Tim Berners-Lee era previsto un apposito metatags dedicato alle keyword. Oggi le keyword spaziano su diversi aspetti dell’ottimizzazione, sia su quella interna dei documenti ( Seo On-Page ) che in quella esterna ( Seo Off-Page ).

Nota: La ripetizione delle parole chiave ( keyword stumming ) noi aiuta il posizionamento organico ma espone il sito al rischio delle penalizzazioni per spam-engine o sovra-ottimizzazione. E’ preferibile accompagnare la main keyword con chiavi correlate e secondarie, piuttosto che ripeterla tale e quale all’interno del testo ( keyword density ).

Le caratteristiche di una keyword

Una parola chiave va valutata sotto diversi aspetti o caratteristiche, le principali sono le seguenti:

  • Pertinenza. E’ il grado di vicinanza della parola chiave a un particolare significato, campo semantico o bisogno.
  • Rilevanza. E’ il grado di importanza attribuito dagli utenti alla parola chiave, quando digitano una query sul motore di ricerca per soddisfare una particolare esigenza.
  • Costo/Concorrenza. E’ il grado di concorrenza della keyword. In genere, è direttamente proporzionale al numeero di competitor che usano già la chiave per attività di posizionamento.

Le tipologie di parole chiave

In una strategia di ottimizzazione le parole chiave sono classificate in base alla loro importanza in parole chiave principali, parole chiave secondarie e parole chiave correlate.

  1. Chiave principale. E’ quella di partenza intorno al quale si sviluppa il progetto.
  2. Chiave secondaria. E’ una variante della chiave principale. In genere è la chiave principale accompagnata da un altro termine.
  3. Chiave correlata. E’ una chiave pertinente con il discorso ma non contiene la main keyword. Spesso è meno rilevante rispetto alle precedenti.

La ricerca delle parole chiave

La ricerca delle parole chiave più utilizzate sul web è una delle principali attività del webmaster che cerca di dare una maggiore visibilità al proprio sito web o blog tramite il miglioramento del posizionamento sui motori di ricerca.

Per trovare le parole chiave più idonee all’ottimizzazione si parte da un’idea iniziale, in genere una chiave generica, e si cerca di svilupparla e declinarla in chiavi più specifiche.

analisi-della-parola-chiave-andreaminini

 

In questa fase sono molto utili dei servizi online, messi a disposizione dai search engine e da piattaforme esterne, che permettono di analizzare la frequenza di digitazione delle keyword nelle query degli utenti e il grado di competitività della chiave. Ad esempio, il Keyword Planner dei Google AdWords.

Gli errori più comuni nella scelta delle keyword

Gli errori più frequenti quando si selezionano le keyword o le keyphrase sono legate alla pertinenza, alla rilevanza e alla concorrenza.

A volte si preferisce una chiave ad alto traffico ma non pertinente, rischiando così di finire nello spam-engine e nel disinteresse dell’audience. Altre volte si scelgono chiavi pertinenti ma non utilizzate dagli utenti. Un altro errore molto comune è scegliere una chiave troppo competitiva.

 

Fonte;   https://www.andreaminini.com

https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

avatar

Mariano Fabris

Consulente e Resp. Tecnico in Materia di Gestione Rifiuti Cat 1,4,5,8 Preposto per il Trasporto Nazionale e Internazionale su strada di Merci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *